Metodo Biologico

Cosa significa coltivare ed allevare con metodo biologico ?

L’agricoltura biologica è un sistema di conduzione agricola che agisce nel pieno rispetto del ciclo delle stagioni, della natura, del benessere animale. Si basa sul mantenimento e miglioramento della fertilità dei terreni, limitando al minimo l’intervento dell’uomo.

L’adozione di un sistema di conduzione biologico consente di tutelare l’ambiente, attraverso il riciclo dei rifiuti di origine animale e vegetale, l’uso di fonti di energia rinnovabili, la riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e la corretta utilizzazione del suolo e delle risorse idriche.

I metodi e le tecniche di produzione utilizzati hanno infatti un basso impatto ambientale e contribuiscono a mantenere un livello di qualità dei suoli e delle acque elevati. Non si utilizzano antiparassitari e pesticidi sintetici, né antibiotici per la crescita, né OGM. Non sono ammessi fertilizzanti e concimi chimici, ma solo letame o altri concimi naturali possibilmente prodotti in azienda.

Un prodotto può essere etichettato “biologico” solo se almeno il 95% degli ingredienti agricoli proviene da produzione biologica. Si applica ad alimenti trasformati e non, agli animali, alle sementi, ai materiali di moltiplicazione vegetativa, alla raccolta di piante selvatiche e di alghe marine, all'acquacoltura e al lievito.

Gli animali devono essere cresciuti al pascolo, non devono aver assunto farmaci di sintesi per nessun motivo (solo farmaci omeopatici e naturali), devono essere stati alimentati con foraggio fresco, conservato o con granaglie prive di OGM, che non hanno subito trattamenti chimici.

I pesci di acqua cultura, devono essere allevati in acque controllate, senza l'uso di mangimi OGM e di farmaci di sintesi (solo omeopatici e naturali) e devono essere accompagnati dalla relativa certificazione.

Il metodo di produzione biologico è l’unico descritto in un regolamento europeo valido in tutto il territorio comunitario, che dettaglia cosa si può e cosa non si può fare lungo tutto il ciclo di produzione di un alimento, a garanzia del consumatore finale.

L’agricoltura biodinamica è invece un metodo di produzione che si fonda su una concezione olistica per la quale tutti gli elementi, suolo, pianta, animale, uomo, sono connessi e in equilibrio tra loro.

Il sistema di conduzione, basato sui principi dell’antroposofia di Rudolf Steiner e diffusosi fin dai primi del ‘900, tende a creare relazioni tra gli esseri viventi, tramite la cura della fertilità del suolo, delle piante coltivate, delle sementi e degli animali domestici. Si adottano tecniche agricole appropriate alle condizioni pedo-climatiche del luogo e nel pieno rispetto dei cicli naturali.

Non è ammesso alcun prodotto chimico od organismo geneticamente modificato. Per la difesa fitosanitaria e il mantenimento dell’equilibrio microbiologico del terreno vengono impiegati i preparati biodinamici, ottenuti da processi fermentativi o decotti di particolari specie vegetali o minerali.

Condizioni di elevata fertilità dei suoli e un buono stato sanitario delle piante e degli animali permetterà a questi di resistere alle malattie e ai parassiti e di produrre alimenti di alta qualità.

Se mangi biologico cambi il mondo.

  

  via Giordano Bruno 110, 80122 - Napoli (NA)  +39 081.664249 - © Terramia 2015